AMER SHOMALI COMING SOON...
Il giovane regista palestinese, coautore del film THE WANTED 18, candidato all'Oscar nel 2016, presto sarà con noi nella rassegna FEMMINILE PALESTINESE, per la prima volta in Italia. Con lui saremo presenti a Salerno, a Napoli e a Roma.. Se vuoi saperne di più seguici #staytuned #amershomali

Chiudiamo la rassegna Femminile palestinese 2016 con un momento di grande intensità teatrale tutta al femminile, con MALDORIENTE il 7 dicembre 2016 al Pasolini. La raffinata interpretazione di Serena Gatti, ispirata ai romanzi di Suad Amiry, ha saputo mostrare con grande impatto la brutalità dell’occupazione. Con eleganza e leggerezza, ha puntato al cuore di tutti noi, portandoci per mano dentro alla vita di tutti i giorni, dentro ai diritti violati, al dolore, alle aspettative calpestate, alle umiliazioni reiterate, ma anche dentro alla forza e determinazione di un popolo che resiste. "Resteremo qua venti volte. All’infinito"
Grazie a Serena e Raffaele di Azul Teatro, grazie a tutti gli amici che da Salerno e da fuori ci hanno seguito fino ad oggi, siete stati tantissimi e stupendi, davvero grazie.
E grazie a Casa del Contemporaneo che ha sostenuto il nostro progetto culturale facendo una scelta coraggiosa e scomoda e inserendo quindi il nostro programma 2016 nel proprio cartellone. Casa del Contemporaneo ha dato spazio alla Palestina e alla sua cultura, esattamente mentre in Italia e in Europa vengono innalzate barriere e chiusure alle culture "diverse".
Resteremo qua venti volte. All’infinito..

CUCINA E MUSICA MEDITERRANEA è stata una serata bellissima, il 1 dicembre scorso al Pasolini di Salerno. Doppio appuntamento con la presentazione del libro di cucina "POP PALESTINE. Viaggio nella cucina popolare palestinese" e PALESTINE FOOD SOUND SYSTEM, lo spettacolo di cucina e musica di Daniele De Michele in arte DONPASTA. Serata piena di emozioni, di aromi, di storie raccontate fra musica e fornelli. Storie di donne, di meticciato, di migrazioni, di vita quotidiana in Palestina.

Ovviamente rivendichiamo il nome di "Femminile palestinese" per le tagliatelle al sommacco, gamberi e cozze creato nella serata dall'equipe di chef, capitanata da don Pasta... (foto di Tamara Casula)

Ilan Pappe è tornato a Salerno, alla nostra rassegna, per il secondo anno consecutivo e per noi è un grande premio. Il 24 novembre 2016 ci ha parlato di LINGUAGGIO COMUNICAZIONE DECOLONIZZAZIONE, insieme agli ospiti Pino Grimaldi (Accademia Belle Arti di Napoli), Giso Amendola (Università di Salerno), Clayton Swisher (Al-Jazeera). Ha spiegato l'importanza del linguaggio per decolonizzare la Palestina, per cui non bisogna parlare di processo di pace, ma appunto di decolonizzazione. Tantissima la voglia di ascoltare, di capire, la Sala Pasolini ancora una volta era gremita.

SOLD OUT e GOOD VIBRATION per il concerto di domenica 18 settembre 2016, ore 21, alla Sala Pasolini di Salerno. La rassegna ha ospitato "Mediterraneo, musica e donne verso Gaza" il concerto dei Jussur Project, con la special guest Amal Ziad Kaawash, cantante palestino/libanese, per la prima volta in Italia. Il ricavato è stato destinato al progetto internazionale WOMEN'S BOAT TO GAZA, della Freedom Flotilla Coalition, per cui imbarcazioni con equipaggio interamente femminile sono partite verso Gaza per rompere l'isolamento. Chiudiamo con un Haiku che un caro amico ha voluto dedicare alla serata:
STANOTTE
FLUTTUANTI SPIRALI DI NOTE
ATTRAVERSAVANO IL MARE

Ibrahim Nasrallah è uno dei massimi poeti palestinesi, ha vinto numerosi premi letterari, tra i quali il prestigioso "Sultan ’Aways" per la poesia nel 1997. È anche scrittore, oltre che insegnante, giornalista, critico cinematografico, pittore, fotografo. Il 20 maggio 2016 è stato nostro ospite nella rassegna FEMMINILE PALESTINESE alle 17,30 presso la libreria Guida Imagine's book di Salerno (corso Garibaldi, 142). Insieme a lui Simone Sibilio, docente di letteratura araba alla Ca’ Foscari di Venezia che ha presentato la sua produzione, gli attori Omar Suleiman e Antonino Masilotti che hanno letto alcuni suoi brani, e Maria Rosaria Greco, curatrice della rassegna. Il Sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli, ha portato il saluto istituzionale in onore della presenza del grande poeta.

Si chiama Arwa Abu Haikal di Hebron ed è stata con noi il 21 marzo u.s. alle ore 19,00 a Salerno presso il Bar Libreria G. Verdi di piazza Luciani. Il primo incontro della rassegna è stato dedicato a lei, con il talk "incontro con Arwa" (organizzato insieme a International Napoli Network, Casa del Contemporaneo, NenaNews Agency). Arwa è uno dei simboli di resistenza non violenta, lei e la sua famiglia da anni resistono alle aggressioni dei coloni e dei militari israeliani che vogliono cacciarli da Tel Rumeida, nel cuore storico di Hebron. Ha presentato Sara Cimmino